Matteo Fraschini Koffi - Giornalista Freelance

  • Home
  • Radio
  • Burkina Faso, appello del Papa: «Sforzi per il dialogo»

avvenire, cronaca

Burkina Faso, appello del Papa: «Sforzi per il dialogo»

LOME', Togo - "Rivolgo un pensiero speciale al caro Burkina Faso, da qualche tempo provato da violenze ricorrenti, e dove recentemente un attentato è costato la vita a quasi cento persone. Affido al Signore tutte le vittime, i feriti, i numerosi sfollati e quanti soffrono per questi drammi». Con queste parole Papa Francesco ha chiuso l’udienza generale di ieri in Vaticano. Ricordando la crisi che dal 2015 ha investito il Paese saheliano, in preda alla furia jihadista e teatro di numerosi attentati terroristici. «Incoraggio le autorità civili e religiose e quanti sono animati da buona volontà – ha continuato il

«Rpontefice - a moltiplicare gli sforzi nello spirito del documento di Abu Dhabi sulla Fratellanza Umana, per promuovere il dialogo interreligioso e la concordia». Almeno 39 persone sono rimaste uccise e altre 60 sono state gravemente ferite in uno dei più gravi attentati jihadisti nella storia del Paese. Un gruppo di uomini armati

ha lanciato un attacco la settimana scorsa contro un convoglio di bus con a bordo circa 240 impiegati della Semafo, una ditta mineraria canadese. Il massacro, con tanto di bombe e artiglieria pesante, è avvenuto nella località di Boungou, nell’est del Paese.

I sopravvissuti hanno descritto una scena apocalittica. Con lo scoppio del primo ordigno e le seguenti mitragliate, tutti i passeggeri hanno tentato di scendere dai veicoli e correre verso la boscaglia per nascondersi. Alcuni si sono invece finti morti e sono rimasti immobili fino alla fine della mattanza. Non ci sono ancora state rivendicazioni. I servizi di sicurezza locali sono comunque certi che i responsabili appartengano a uno dei numerosi gruppi jihadisti che operano attraverso le varie cellule sparse in tutto il Paese, compresa la capitale, Ouagadougou. A causa delle violenze, centinaia di migliaia di civili sono ora sfollati interni o rifugiati negli Stati limitrofi. Il presidente burkinabé, Roch Marc Kaboré, sta dimostrando di non essere capace di arginare una crisi che, secondo gli esperti, sta continuando ad aggravarsi.


Matteo Fraschini Koffi per AVVENIRE  - 14 novembre 2019 © RIPRODUZIONE RISERVATA

Stampa Email

19gg

 

leggi

Iscriviti per ricevere gli articoli via email

MFK Matteo Fraschini Koffi

Giornalista Freelance

Biografia | Libro | Blog News | Radio | Video | Foto