Create a Joomla website with Joomla Templates. These Joomla Themes are reviewed and tested for optimal performance. High Quality, Premium Joomla Templates for Your Site
Matteo Fraschini Koffi - Giornalista Freelance

avvenire, economia, cronaca, attualità

Aliko Dangote

«Così voglio arricchire la mia Africa»

«Così voglio arricchire la mia Africa» I progetti del magnate Dangote inciampato nei Panama papers NAIROBI (KENYA) «Mi ricordo di quando ero in prima elementare: andavo in giro per comprare pacchi di caramelle che poi rivendevo per guadagnare un po’ di soldi. Ero davvero interessato agli affari anche a quella età». Aliko Dangote, nigeriano di 60 anni, 'vale' oggi 18,6 miliardi di dollari. Da tempo è infatti l’uomo più ricco del Continente. Come il bisnonno, Alhaji Alhassan Dantata Per Dangote il futuro è ricco di progetti nuovi. «Vogliamo aiutare il governo a ribaltare l’economia nazionale», ha confermato a metà aprile al quotidiano locale The Guardian. «Dobbiamo affrontare i settori più critici connessi alla produzione interna nigeriana. Per esempio: la raffinazione petrolifera – ha spiegato Dangote –, per poi proseguire con l’esportazione di prodotti petrolchimici e fertilizzanti. Ci diamo due anni e mezzo per attuare cambiamenti concreti». Nonostante gli investimenti del miliardario africano siano sempre più diretti verso il petrolio, la Dangote Group domina da anni settori ben diversi. Dal cemento al cibo, dai trasporti all’immobiliare. È non è solo il mercato nigeriano ad essere preso di mira, ma anche quello di Paesi come Togo, Benin, Tanzania, Sudafrica, Ghana e Camerun. «Il Gruppo Dangote è fortissimo nel settore dello zucchero e della raffinazione – affermano gli esperti nigeriani –, rifornisce infatti il 70% delle aziende di birra e bibite analcoliche». Con 800mila tonnellate di zucchero all’anno, la raffineria dell’uomo d’affari nigeriano è la più grande in Africa e la terza al mondo. Inoltre, sono di notevoli dimensioni le fabbriche in cui produce farina e sale. Rispetto ad altri prodotti alimentari, Dangote è tra i più importanti importatori di pasta, riso e pesce. Nel 2014, la rivista Forbes Africa l’ha nominato come «Persona dell’anno». «Mi stia a sentire perché voglio assolutamente sottolineare questo concetto», ha recentemente detto il miliardario. «Niente aiuterà la Nigeria quanto i nigeriani che riportano a casa il loro denaro. Se qualcuno mi desse oggi 5miliardi di dollari – ha concluso –, investirei ogni soldo qui in Nigeria. Uniamo quindi le nostre teste e lavoriamo». Sono infatti noti i commenti di Dangote quando redarguisce i suoi connazionali più facoltosi, che siano politici o uomini d’affari, per la loro lassità: «Non credo che il governo debba continuare a salvare l’economia degli Stati federali – ha espresso più volte Dangote, originario dello Stato di Kano –, ma tocca agli Stati federali riflettere su come tagliare i costi invece di essere pigri e aspettarsi il paracadute ». Alle imprese finanziarie dell’uomo d’affari nigeriano, inciampato nella galassia di società segrete scoperte attraverso i Panama Papers, si aggiungono le opere umanitarie. Nel 2014, Dangote ha infatti donato 750mila dollari per frenare il contagio del virus Ebola nella regione. Mentre attraverso la sua fondazione, in collaborazione con quella di Bill e Melinda Gates, si è posto l’obiettivo di ridurre la malnutrizione per 11milioni di bambini che vivono nel nord della Nigeria. «Abbiamo deciso di attuare un piano di 100 milioni di dollari per limitare l’insicurezza alimentare negli Stati di Kano, Sokoto e Kaduna – hanno annunciato Dangote e Gates –: il futuro dei giovanissimi avrà durissime conseguenze se non risolveremo questa problematica il prima possibile». Da sapere / Un impero costruito su cemento e zucchero La Dangote cement è una multinazionale che ha il suo quartier generale nella città commerciale di Lagos, in Nigeria sudoccidentale. L’azienda, nota fino al 2010 con il nome di Obajan cement, è impegnata in tutto il continente africano nella produzione, preparazione, importazione, impacchettamento e distribuzione di cemento e dei prodotti associati. Ha poi diversificato in altri settori, a partire dallo zucchero. Nel 2013, la Dangote cement ha prodotto e venduto 13,3 miioni di tonnellate di cemento, con un ricavato di circa 2,4 miliardi di dollari. Nel 2014, questa società di Aliko Dangote aveva un valore di mercato che si aggirava intorno ai 20 miliardi di dollari. Mentre in Nigeria ci sono tre stabilimenti, nel futuro prossimo si prevede la costruzione di altri impianti in almeno 13 Paesi sparsi in tutta l’Africa. Nel 2015, Dangote ha deciso di costruire uno di questi stabilimenti in Senegal. Matteo Fraschini Koffi per AVVENIRE - 13 maggio 2016

Stampa Email

MFK Matteo Fraschini Koffi

Giornalista Freelance

Biografia | Libro | Blog News | Radio | Video | Foto